La sorveglianza di massa è una minaccia alla privacy?

La sorveglianza di massa è una minaccia alla privacy?

Heading 2

Heading 3

Heading 4

Blockquote with link

The rich text element allows you to create and format headings, paragraphs, blockquotes, images, and video all in one place instead of having to add and format them individually. Just double-click and easily create content.

  1. Item
  2. Item
  3. Item
  • Item
  • Item
  • Item

Heading 2

The rich text element allows you to create and format headings, paragraphs, blockquotes, images, and video all in one place instead of having to add and format them individually. Just double-click and easily create content.

Heading 3

The rich text element allows you to create and format headings, paragraphs, blockquotes, images, and video all in one place instead of having to add and format them individually. Just double-click and easily create content.

Heading 4

The rich text element allows you to create and format headings, paragraphs, blockquotes, images, and video all in one place instead of having to add and format them individually. Just double-click and easily create content:

  • Item 1
  • Item 2
  • Item 3

The rich text element allows you to create and format headings, paragraphs, blockquotes, images, and video all in one place instead of having to add and format them individually. Just double-click and easily create content:

  1. Item 1
  2. Item 2
  3. Item 3

All’interno del mondo legato alla privacy, il termine “sorveglianza” viene sempre visto di cattivo occhio, come se rappresentasse l’antagonista onnipresente difficile da sconfiggere.

Pierluigi Perri, Professore di informatica giuridica avanzata presso l'Università degli Studi di Milano, durante il suo intervento in occasione dell’ottavo Privacy Day Forum ha sfatato un tabù: la sorveglianza è un concetto neutro.

Nonostante il titolo dello speech fosse “il rischio della sorveglianza di massa e le minacce alla privacy”, la sorveglianza non è un rischio, bensì un fenomeno attuale.

La distinzione tra bene e male, come spesso accade, non è affatto semplice da fare.

Banalmente si potrebbe identificare nei nuovi proprietari dei dati, i reali beneficiari della sorveglianza e nelle persone che forniscono i dati, le vittime del processo: ma non è esattamente così.

L’evoluzione della sorveglianza di massa

La sorveglianza di massa si è evoluta ed è molto lontana dal Big Brother descritto da George Orwell: ora si può parlare di sorveglianza Kafkiana.

L’individuo è diventato un consumatore sorvegliato da numerosi sistemi, più potenti e decentralizzati rispetto al passato.

Paul-Michel Foucault, sociologo francese, sostiene che il controllo sociale è un meccanismo intenzionale mosso dalla collettività verso l’individuo affinché esso si conformi ai valori che formano l’ordine sociale.

Chi non aderisce alla condivisione di informazioni, il principale valore dell’attuale ordine sociale, è punito con l’isolamento: sono i social i testimoni di questo fenomeno.

Cambiare la percezione e i tratti definiti dai dati raccolti dalla sorveglianza di massa sarebbero difficili, o probabilmente impossibili, da cambiare.

Perciò le domande fondamentali sorgono spontanee: i valori dell’attuale ordine sociale sono corretti? Il cittadino può opporsi a queste intromissioni alla vita personale?

La sorveglianza di massa che fa riflettere

Esistono numerose vicende che dovrebbero far riflettere sulla tendenza e sul potere della sorveglianza di massa.

La sorveglianza legata al potere centrale dello Stato, la sorveglianza ai sistemi di rete, la sorveglianza capitalistica, ma anche la sorveglianza come contrasto alla criminalità.

Sono tante le accezioni del termine e numerosi i casi da studio su cui riflettere:

  • Riconoscimento facciale in Cina
    In Cina durante un concerto musicale con 70 mila spettatori, la polizia è riuscita attraverso un sistema di riconoscimento facciale evoluto a individuare e prelevare una determinata persona tra la folla.
  • La videosorveglianza in Italia
    Ha destato molto scalpore il pestaggio del Cinema America in Italia. I colpevoli sono stati identificati grazie all’utilizzo di numerosi sistemi di videosorveglianza incrociato di altri servizi commerciali.
  • Il chilling effect in Cina
    L’ufficio dell’artista cinese Ai Weiwei è videosorvegliato sia all’entrata, sia all’uscita. Questo controllo che determina il fenomeno “chilling effects”, ossia il timore di esercitare diritti per paura di subire conseguenze pregiudizievoli.
  • Il social sorting in America
    Il “social sorting” è il fenomeno americano che descrive la sorveglianza come strumento di classificazione. Un tempo gli indigeni di colore, in assenza di un’altra persona di razza bianca al proprio fianco, dopo il tramonto erano costretti a girare per le strade con delle lanterne che permettessero il riconoscimento.
  • I profili social per il visto americano
    Un esempio della sorveglianza come strumento per prendere decisioni è dato dall’obbligatorietà di fornire l’accesso ai propri profili social allo scopo di reperire informazioni per ottenere il visto per entrare negli USA. 
  • Il social rating cinese
    Per finire con il social rating presente In Cina. A ogni persona corrisponde un punteggio figlio dei comportamenti tenuti. Il punteggio determina l’accesso o meno a determinati servizi o eventuali punizioni. 

Come il diritto può tutelare la privacy dalla sorveglianza di massa?

In questo scenario appare difficile quali ed eventualmente dove stabilire i confini che delimitano il diritto alla privacy e la sorveglianza di massa.

Il GDPR, seguendo il principio di accountability, prevede la valutazione di impatto e l’adozione di principi fondamentali come la trasparenza, la pertinenza, la minimizzazione e la limitazione della conservazione dei dati.

Ma il GDPR per quanto innovativo e completo, non può essere uno strumento sufficiente per arginare il fenomeno ed evitare i rischi di abuso o cattivo uso perché non esiste ancora una disciplina capace di tutelare la sorveglianza elettronica.

Occorre integrare l’articolo 15 della costituzione italiana, il Codice delle Comunicazioni Elettroniche, alcuni articoli del Codice Penale riguardanti la comunicazione e le corrispondenze e l’articolo 8 della Carta dei Diritti dell’Uomo.

Il professionista della privacy dovrà adottare un approccio ampio e trovare un perfetto bilanciamento per valutare i vari conflitti e la legittimità o meno di uno strumento di sorveglianza.

data-breach
 SCOPRI TUTTE LE NEWS SUL GDPR

Rimani aggiornato sul mondo GDPR e ricevi l'infografica sull'accountability documentale

Scopri quali sono gli adempimenti documentali obbligatori e consigliati a fronte dell’entrata in vigore del nuovo regolamento europeo sulla protezione dei dati personali.

Crea il tuo account personale in meno di un minuto e scopri tutte le potenzialità di UTOPIA. Tutto incluso e senza alcuna limitazione, gratuitamente, per 14 giorni.

infographic
Iscrizione effettuata con successo!
Abbiamo inviato una email all'indirizzo che hai scelto con il link per scaricare l'infografica sull'accountability documentale. Assicurati che non sia andata a finire nello SPAM.
Si è verificato un errore imprevisto durante l'iscrizione. Riprova...
ue-logoorlandi-logo